Al via domani i lavori per la realizzazione dell’ambulatorio solidale nella Piccola Casa Aut

DiANTONIO CANTORO

Al via domani i lavori per la realizzazione dell’ambulatorio solidale nella Piccola Casa Aut

Sarà demolito domani, 6 settembre 2019 alle ore 10.30, a colpi di martelli e mazzette, il muro che chiude l’ingresso a un villino confiscato alla criminalità organizzata in Lungomare IX maggio 62 a Bari e destinato dal Consorzio Beata Chiara alla realizzazione di un ambulatorio solidale. All’avvio dei lavori di ristrutturazione dell’immobile parteciperanno il sostituto procuratore antimafia, Simona Filoni, l’assessore al Patrimonio con delega ai beni confiscati del Comune di Bari, Vito Lacoppola, l’assessore al Welfare del Comune, Francesca Bottalico, la dirigente del settore Antimafia sociale della Regione Puglia, Annatonia Margiotta, il presidente di Libera Puglia, Mario Dabbicco, e don Angelo Cassano del presidio barese di Libera.

Il Consorzio Beata Chiara si è aggiudicato un bando del Comune per la concessione del bene confiscato con il progetto “Piccola Casa Aut“, che prevede appunto la realizzazione di un ambulatorio solidale, che erogherà visite specialistiche gratuite per persone in disagio socio-economico e immigrati, e un centro di servizi per le famiglie.

Il villino dopo il sequestro e la confisca era stato occupato abusivamente, per cui porte e finestre erano state murate: domani la Comunità cittadina farà proprio quel bene abbattendo simbolicamente il muro che chiude gli accessi. A imbracciare la mazzetta da muratore saranno i ragazzi che stanno partecipando al campo tematico “E!state Liberi!” sui beni confiscati organizzato a Bari da Libera Associazione, nomi e numeri contro le mafie. 

Info sull'autore

ANTONIO CANTORO administrator

Commenta