Picconate di antimafia sociale: il villino confiscato alla criminalità torna alla Comunità per diventare un ambulatorio solidale

DiANTONIO CANTORO

Picconate di antimafia sociale: il villino confiscato alla criminalità torna alla Comunità per diventare un ambulatorio solidale

«La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine». Lo affermò Giovanni Falcone in un celebre libro-intervista della giornalista francese Marcelle Padovani, Cose di Cosa nostra.

Se questo è vero, è vero anche che la mafia che diventa cultura, che si innerva nel tessuto del territorio, che non scandalizza più di tanto, può essere sconfitta – oltre che con il contrasto giudiziario e la repressione – con il coinvolgimento attivo della società, dei corpi sociali e del singolo cittadino che nel proprio propone una alternativa di legalità.

Francesco Giannella, procuratore aggiunto di Bari

È così che il Consorzio Beata Chiara ha deciso di proseguire la attività di gestione di servizi per anziani e famiglie orientando il proprio impegno all’antimafia sociale quale testimonianza concreta della possibilità che possa partire dal basso l’espressione di un desiderio di legalità e di antimafia sociale. Ha partecipato a un bando del Comune di Bari per la concessione di immobili confiscati alla criminalità organizzata e il progetto, Piccola Casa Aut, è risultato il migliore tra quelli presentati.

Nel villino sul Lungomare IX maggio di Bari che il Comune assegnerà al Consorzio Beata Chiara, sarà realizzato un centro di servizi per le famiglie e un ambulatorio solidale.

L’immobile, dopo il sequestro, era stato occupato abusivamente e per questo era stato sgomberato e porte e finestre murate.

Venerdì 6 settembre, alle ore 10.30 la città si riapproprierà di quell’immobile demolendo a picconate – simbolicamente – la porta di ingresso.

Sono stati invitati il procuratore aggiunto di Bari, Francesco Giannella, coordinatore della Direzione distrettuale antimafia; il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano; il sindaco di Bari, Antonio Decaro; l’assessore al Welfare, Francesca Bottalico, l’assessore al Patrimonio, Vito Lacoppola.

Parteciperanno inoltre i ragazzi del campo tematico #estateliberi sul monitoraggio civico dei beni confiscati “Monitorando bene!” di Libera Puglia.

Info sull'autore

ANTONIO CANTORO administrator

Commenta