Progetto pronto e parere Asl favorevole: manca poco all’inizio dei lavori

2015-12-22 10.14.17La Asl ha dato parere favorevole all’intervento di manutenzione ordinaria e straordinaria che eseguiremo sulla villa dove prenderà forma e vita la Piccola Casa Beata Chiara, il nostro centro diurno integrato per il supporto cognitivo e comportamentale ai soggetti affetti da demenza: un tassello fondamentale per il quale non possiamo non ringraziare la cura e l’attenzione della dottoressa Massaro del Servizio Igiene e sanità pubblica – Dipartimento di prevenzione, che non ci ha fatto mancare l’apporto della sua competenza e professionalità.

Così il lavoro preliminare che ha occupato i nostri ultimi due mesi è quasi compiuto: il capitolato degli interventi che saranno realizzati, affidato al progettista Leonardo Dell’Aglio, è pronto: manca giusto qualche altro dettaglio che abbiamo affidato alle cure dell’architetto Enzo Angiolini, il tecnico di riferimento del Metodo Gentlecare, il quale farà in modo che l’ambiente sia quanto più possibile protesico per gli anziani fragili che ospiteremo.

Come ci ha insegnato Moyra Jones, è l’ambiente a fare la differenza: è necessario infatti costruire, anche in senso architettonico vero e proprio, un ambiente nel quale le persone, gli operatori e i caregiver possano effettuare le adeguate attività per il benessere dei malati. Studi consolidati ci dicono che l’adattamento dello spazio, dei suoi colori, della sua luminosità, dei suoni e dell’aria stessa alle peculiarità specifiche delle persone affette da malattia di Alzheimer o altri tipi di demenza sia determinante per la loro riattivazione e il loro benessere. Ed è seguendo la lezione dell’«approccio protesico» che progetteremo le attività formative per il personale che sarà impiegato nel diurno e le attività che proporremo agli anziani e alle loro famiglie.



Fonte: Piccola Casa